Kibbò

Kibbò è un’azienda agricola multifunzionale situata in Contrada Chibbò – agro di Peralia Sottana – nelle alte colline dell’entroterra siciliano,  gestita dalla famiglia Gioia da quattro generazioni. 

L’AZIENDA

Il feudo Chibbò o Kibbò, sorge a circa 650 m s.l.m. in un’aera scarsamente popolata e incontaminata dell’entroterra siciliano. Un territorio tradizionalmente vocato alla produzione di cereali e all’allevamento ovino, ma anche conosciuto dagli amanti della storia per contenere tracce di insediamenti umani risalenti al Neolitico. 

L’azienda, che si estende per circa 200 ettari dai 700 ai 400 m s.l.m., nonostante mantenga un indirizzo prevalentemente cerealicolo, ha ospitato nel tempo diverse colture (dalle ortive ai vitigni, dalla brassica alla canapa fino ai grani antichi) ed è stata sede di progetti di sperimentazione in collaborazione con università ed enti di ricerca. 

Da sempre, infatti, puntiamo ad introdurre elementi innovativi nei metodi di produzione al fine di valorizzare al meglio le risorse locali e di rendere l’azienda sempre più efficiente e sostenibile. 

In quest’ottica abbiamo intrapreso negli ultimi anni un percorso di “retro-innovazione”, mirato a diversificare le produzioni aziendali e a stabilire un contatto diretto con il consumatore. Da cinque anni abbiamo introdotto in azienda l’allevamento dell’ape nera sicula, allestito un laboratorio di confezionamento dei prodotti dell’apicoltura, messo a dimora un piccolo mandorleto e introdotto la coltivazione della canapa industriale. A tal proposito, possiamo vantarci di essere tra le poche aziende siciliane ad aver acquisito un significativo know-how nella coltivazione di questa pianta, dalla quale ricaviamo olio e farina da filiera 100% siciliana. 

Oggi le nostre attività principali sono la produzione di grano siciliano da seme e di foraggi, la produzione di canapa, grani antichi, olio extravergine d’oliva e legumi in regime biologico ed infine l’apicoltura, anche questa a conduzione biologica. 

Su di noi 

La nostra storia comincia nel 1929 quando il nostro bisnonno Cosimo acquistò il feudo Chibbò per stabilirvi un’azienda cerealicola e ovinicola e tradizionale. In seguito alla morte prematura del padre, nostro nonno Giovanni prese le redini dell’azienda alla giovane età di 20 anni. Da solo, armato di coraggio e un grande spirito imprenditoriale, investì per migliorare l’eredità paterna attraverso vari progetti di bonifica delle terre, la costruzione di un lago artificiale di 130.000 m3 e di un vigneto di 40 ha. Riuscì così a creare un’azienda agricola all’avanguardia nel panorama siciliano ed ancora oggi è ricordato con ammirazione per aver generato un impatto positivo nel tessuto socio-economico della propria comunità.

Nostro padre Giammarco, figlio di Giovanni, fu un grande appassionato di motori. A Chibbò fondò una rivendita di macchine agricole che presto divenne un centro dell’innovazione meccanica e un luogo di incontro per gli agricoltori dell’entroterra siciliano, permettendo a questi ultimi di accedere ai macchinari di miglior qualità e a vederli testati sul campo. A quel tempo, infatti,  la missione dell’azienda era di portare l’avanzamento tecnologico in un’area in cui metodi di produzione vetusti rischiavano di rendere le aziende agricole locali poco competitive in un mercato sempre più globale. 

Dal 1999, Maria Pia, moglie di Giammarco, è succeduta a nostro padre nella gestione dell’azienda. Da allora, oltre a proseguire la collaborazione con università ed enti di ricerca, è impegnata regolarmente nelle attività sindacali di Confagricoltura, rappresentando le imprenditrici agricole in Sicilia ed in Europa.

Oggi, affiancandola nella gestione dell’azienda, ci impegniamo a preservare la tradizione familiare e nel contempo a migliorarla, introducendo nuove produzioni, come la canapa, il lino, le antiche varietà di grani siciliani e il miele di ape nera sicula, e nuove tecniche gestionali, come l’agricoltura di precisione, che ci aiuta ad  ottimizzare l’uso delle risorse e a ridurre l’impatto ambientale. 

Parte dell’azienda è condotta in regime biologico, in linea con l’approccio che ci sempre caratterizzato: quello di un’agricoltura innovativa, sostenibile e attenta alla biodiversità, così come testimoniato dalla scelta di allevare l’ape nera, razza endemica, e di diventare custodi del grano antico Gioia, preziosa eredità dei nostri antenati. 

La nostra filosofia

Forti di una tradizione agricola lunga quattro generazioni e di una profonda conoscenza del nostro territorio, puntiamo a preservare la qualità e l’unicità delle nostre produzioni, attraverso la continua ricerca di metodi di produzione innovativi e sostenibili, basati sui principi dell’economia circolare e delle buone pratiche agricole nella gestione della terra. 

Coniugare tradizione e innovazione nelle pratiche e nelle colture è una missione di lungo corso, che ci porta a reinterpretare il nostro ruolo di agricoltori come custodi del paesaggio rurale e la nostra attività 

come un’attività multifunzionale e diversificata. 

La nostra missione è quella di creare cibo genuino, nutriente e gustoso, coltivato in maniera sostenibile. Puntiamo a farlo mantenendoci radicati nella nostra tradizione, ma con lo sguardo sempre proteso al futuro.